un cane
non si acquista,
si adotta,
ed è per sempre!!
il cane è il miglior
amico dell'uomo ma l'uomo, è il miglior
amico del cane?

EDUCAZIONE

autoeducazione
una buona ragione
proposta BASE
seduto
comando NO
basta
il gioco
il collare
il guinzaglio
senza guinzaglio
condotta
seduto fermo
fermo in movimento
la museruola
terra
terra fermo
controllo
il cane chiede
lascia
ostacoli
angoli ciechi
vieni
vieni al piede
vieni torna
la pallina (riporto)
in auto con il cucciolo
in auto con l'adulto
pratica dell'allegria
dai la zampa
aspetta
a cuccia


SORDITA'

preparazione
seduto
seduto fermo
terra
terra fermo


DISABILITA'

considerazioni
come fare
attività fisiologiche
il pasto
in auto - passeggio
cura delle zampe


CORREZIONI
BRUTTI VIZI
COMPORTAMENTO

evasioni
bocconi sospetti
botti di capodanno
nascita di un bambino
atteggiamenti
ulula
razze carattere
l'arrivo degli ospiti
l'ospite sgradito
rincorre
incontri con cani convivenza tra cani
diffidenza
aggressività
aggressioni
attacchi a bambini
pacificazione
falsa gravidanza
sterilizzazione


FOBIE-STRESS

stress
fobia?
noia
separazione
paura di rumori forti
paura dell'auto
paura del traffico
paura dei tuoni
paura dell'ospite
paura estranei 1
paura estranei 2

 

ANEDDOTI

NERGIO CHI?

CURIOSITA'

Questioni Legali

i ritratti di MANU
MALATTIE

chiedi AIUTO


Se sei su Facebook chiedi l'amicizia a NERGIO
cane disabile, cosa fare
i cani possono imparare ...l'educazione secondo Nergio
disabilità

Di fatto un cane che di conseguenza ad un trauma diventi disabile non trascorrerà nemmeno un secondo a chiedersi 'perché sia capitato proprio a lui', ma piuttosto cercherà modi per sopperire ad un problema, naturalmente come l'istinto di sopravvivenza gli ha insegnato. Nostro mero compito è quello di facilitargli questo percorso e posso dire con assoluta risolutezza che non sarà per niente facile, anzi, comporterà grande impegno e determinazione ma posso dire con altrettanta consapevolezza che ne deriveranno immense soddisfazioni.

Di seguito alcune riflessioni ed accorgimenti tecnici, e non solo, che potrebbero in alcuni casi facilitare la vita quotidiana ad un cane disabile.

In generale

Le implicazioni che derivano dall'avere un cane che abbia difficoltà motorie sono infinite, emozioni contrastanti, dalla soddisfazione di aver vicino il proprio amico alla delusione nell'apprendere che non potrà più correre con noi, disagi, difficoltà oggettive, limitazioni ai nostri usuali spazi e al nostro tempo, impegno, stanchezza fisica nel doverlo quotidianamente accudire...un cane disabile non differisce molto da una persona disabile, prescindendo dal prendere in considerazione una scala gerarchica nella cerchia degli affetti, la differenza sostanziale è che mentre una persona impossibilitata nei movimenti può comunque sopperire a tale costrizione con altri svaghi e può scegliere come gestire il proprio tempo e può inoltre chiedere aiuto, un cane non può esprimere verbalmente il proprio disagio né può imparare a fare ciò che la natura non gli ha consentito da principio. Un cane non legge e non gioca a carte, non si può sfogare con gli amici né andare al cinema, un cane disabile ha bisogno di stimoli ed incentivi come un cane sano e ancor più...noi dobbiamo prevedere i suoi bisogni, anticipare le sue esigenze e provvedere a fargli vivere una vita gradevole, malgrado i molti limiti.
Di fatto nella nostra società un cane disabile non è considerato al pari di una persona disabile e nemmeno al pari di un suo simile "sano", e pochi saranno coloro in grado di comprendere le nostre difficoltà, pochi coloro che capiranno la nostra scelta, pochissimi coloro che la sosterranno. Ma lungi da noi il desiderare l'altrui compassione o approvazione, proprio perché colpiti da un evento traumatico dobbiamo compiere le nostre scelte con estrema fermezza, forti della consapevolezza che ne varrà la pena sempre, malgrado il grande impegno richiesto, poiché nulla ci potrà ripagare di più del vedere il nostro Amico felice.

Riflessioni e suggerimenti:

  • devi armarti di molta pazienza e buona volontà
  • ricordati che lui non è colpevole di ciò che gli è accaduto e nemmeno lo comprende, ma lo subisce, lui è nostro amico, come lo è sempre stato e come faremmo con un amico, noi dobbiamo aiutarlo
  • prendi coscienza del fatto che spesso la disabilità non è una condizione temporanea, lui sarà disabile per tutto il resto della sua vita e noi dobbiamo avere costanza
  • recuperato il suo equilibrio psicofisico lui tenterà di fare tutto quel che ha sempre fatto, anche ciò che non è più in grado di fare, nostro compito è metterlo in sicurezza
  • non arrabbiarti mai con lui per qualcosa che ha fatto a causa della sua condizione, ma solo per azioni compiute deliberatamente per cattiva educazione e che avrebbe fatto anche se non disabile, applica la regola dei rinforzi positivi e negativi
  • non dimenticare che tutte le regole apprese da cucciolo, se possibile, vanno applicate
  • non provare compassione per lui ma comprensione
  • non trattarlo come se fosse menomato o stupido lui è in grado di fare ancora moltissime cose, sicuramente più di quante ne possiamo immaginare
  • non lasciare mai il cane incustodito, in condizioni non sicure
  • crea degli spazi a lui dedicati, per il pasto, la notte e ovunque lui sia abituato a vivere quotidianamente, mettendolo in condizione di avere sempre un giaciglio sicuro e tranquillo
  • se lasciato solo provvedi affinché abbia un ambiente sicuro in cui stare e chiudi le altre stanze così che abbia uno spazio ridotto di movimento riducendo anche i rischi che possa ferirsi in tua assenza
  • dove occorresse, provvedi a chiudere scale o accessi pericolosi, al giardino o alla strada, dove non ci fossero porte, ricorri ad appositi cancelletti in legno che si possano chiudere in modo sicuro
  • preferibilmente non lasciare il cane da solo troppe ore consecutive, se incapace di controllare le proprie attività fisiologiche potrebbe aver bisogno d'esser pulito più volte al giorno per evitare infiammazioni della pelle o infezioni
  • non ignorarlo o dimenticarlo solo perché meno 'attivo' di prima, facciamogli sentire la nostra presenza
  • incentivalo a muoversi anche senza un reale motivo, (senza eccedere in stress) gratificandolo con un boccone-premio, o con un gioco o in seguito anche soltanto con 'coccole'
  • cerca di stimolarlo al gioco
  • qualora mostrasse disinteresse per i vecchi giochi, potresti procurargliene di nuovi associati ad una nuova situazione, potrebbero divenire i 'suoi nuovi giochi'
  • procuragli 'passatempi' poiché data la forzata sedentarietà rischia di divenire apatico, come ad esempio ossa specifiche per cani da poter rosicchiare di tanto in tanto (è anche una gratificazione per il palato), oppure giochi che non debba necessariamente rincorrere
  • non eccedere nei bocconi-premio, si rischierebbe di 'viziarlo' inutilmente e di farlo ingrassare
  • ricordati di spazzolarlo come e più di prima, dato che in alcuni casi non è più in grado di 'grattarsi' dobbiamo provvedere noi
Il pasto
  • riadatta la dieta dopo aver consultato il veterinario (un cane disabile, facendo poco movimento, tende ad ingrassare)
  • adatta la postazione del pasto, valutando di offrire al cane uno spazio più consono alla sua condizione, mettendolo a proprio agio ove preferisca, potrebbe essere più comodo ad assumere il pasto da sdraiato
  • impiega ciotole rialzate, nel caso in cui il cane trascini il treno posteriore e fatichi ad abbassare la testa, inoltre non si rovesciano
  • se è nella possibilità di muoversi, devi stimolarlo a raggiungere la sua postazione per il pasto, non lasciare che si abitui ad essere servito sul posto, si rischia un'eccessiva sedentarietà del cane e una cattiva educazione, non deve perdere le buone abitudini apprese da cucciolo
Se il cane non ha controllo sulle proprie attività fisiologiche:
  • rivesti i cuscini a lui destinati con tessuto impermeabile, ciò permetterà una facile pulizia e sarà più igienico
  • impiega i tappetini igienici, o traversine, come quelle impiegate per i cuccioli, ne serviranno in quantità, pertanto cercare quelle più economiche (le traverse salvaletto per uso umano hanno la stessa funzione e sono più economiche)
  • provvedi quotidianamente alla pulizia del cane nelle parti intime con detergenti delicati e specifici (ottimi i prodotti per neonati), qualora fossi sprovvisto di acqua, impiega salviettine igieniche prive di alcool, idonee per pelli delicate o munsciti di pomate lenitive per arrossamenti della pelle (ad esempio creme per neonati)
  • procurati teli di cotone in quantità con cui ricoprire i suoi cuscini e provvedi a lavarli quotidianamente...li sporcherà più volte al giorno
  • pulisci ed igienizza i giacigli
Se il cane trascina le zampe:
  • impiega 'passatoie' o 'tappeti' in PVC per facilitare la deambulazione del cane ove i pavimenti siano scivolosi, almeno i primi tempi, poi si potrebbe farne a meno valutando il recupero del cane nella capacità di spostarsi. Da evitare assolutamente la moquette, oltre a non essere igienica, potrebbe creare abrasioni alle zampe del cane qualora si trascinasse
  • provvedi ad evitare abrasioni alla zampe facendolo muovere su superfici ruvide come asfalto, cemento, ghiaia e affini, in caso non sia possibile evita il contatto con tali superfici impiegando le apposite 'calzine' per cani; è bene avere comunque a disposizione una pomata per abrasioni
  • procurati un'imbragatura apposita adatta alla disabilità del cane per facilitare le vostre passeggiate, oppure impiega un supporto morbido, asciugamani di spugna e affini, per sorreggerlo
In macchina e a passeggio:
  • non rinunciare a portare con te il cane, con i dovuti accorgimenti si può fare o partire dal presupposto che si sta uscendo 'con lui', pertanto valuta i luoghi in cui vuoi andare, deve essere piacevole anche per lui e non inutilmente stressante
  • procurati teli e traversine, per evitare di sporcare irrimediabilmente i sedili o il bagagliaio dell'auto
  • metti il cane in sicurezza in modo che brusche frenate non lo facciano cadere, poiché un cane disabile non ha una piena capacità d'equilibrio e i movimenti della macchina potrebbero sbilanciarlo e farlo cadere (esistono in commercio delle vere e proprie cinture di sicurezza per cani)
  • se possibile, mettilo in condizione di vivere l'auto come prima, sistemalo in modo che possa guardare fuori dai finestrini e se di piccola taglia attrezza opportunamente i sedili
  • porta sempre conte tutto l'occorrente per poter raccogliere le feci del cane, come prima e ancor di più qualora il cane non avesse controllo sulle proprie attività fisiologiche, pertanto potrebbe 'sporcare' ovunque senza rendersene conto
  • munisciti di salviettine igieniche
  • prevedi in base alle possibilità del cane e delle attrezzature specifiche di cui si è forniti (imbragature, carrellino...) di fare passeggiate in luoghi adeguati al cane, evitando luoghi troppo frequentati da persone o altri cani
  • fai passeggiate brevi, un cane disabile si stanca di più e prima e potrebbe aver bisogno di frequenti soste
  • munisciti sempre di una ciotola 'da viaggio' per l'acqua, ne esistono di plastica pieghevoli che richiuse hanno dimensioni tascabili
  • evita luoghi chiusi come bar e negozi ove il cane potrebbe sporcare creando inutili disagi, in linea di massima usare il buon senso

torna al menu

CUCCIOLI


PRIMI PASSI


CANI TIPO

MONDO CANE

MODI D'USO


LE MIE STORIE


NOZIONI


LEGISLAZIONE