un cane
non si acquista,
si adotta,
ed è per sempre!!
il cane è il miglior
amico dell'uomo ma l'uomo, è il miglior
amico del cane?

EDUCAZIONE

autoeducazione
una buona ragione
proposta BASE
seduto
comando NO
basta
il gioco
il collare
il guinzaglio
senza guinzaglio
condotta
seduto fermo
fermo in movimento
la museruola
terra
terra fermo
controllo
il cane chiede
lascia
ostacoli
angoli ciechi
vieni
vieni al piede
vieni torna
la pallina (riporto)
in auto con il cucciolo
in auto con l'adulto
pratica dell'allegria
dai la zampa
aspetta
a cuccia


SORDITA'

preparazione
seduto
seduto fermo
terra
terra fermo


DISABILITA'

considerazioni
come fare
attività fisiologiche
il pasto
in auto - passeggio
cura delle zampe


CORREZIONI
BRUTTI VIZI
COMPORTAMENTO

evasioni
bocconi sospetti
botti di capodanno
nascita di un bambino
atteggiamenti
ulula
razze carattere
l'arrivo degli ospiti
l'ospite sgradito
rincorre
incontri con cani convivenza tra cani
diffidenza
aggressività
aggressioni
attacchi a bambini
pacificazione
falsa gravidanza
sterilizzazione


FOBIE-STRESS

stress
fobia?
noia
separazione
paura di rumori forti
paura dell'auto
paura del traffico
paura dei tuoni
paura dell'ospite
paura estranei 1
paura estranei 2

 

ANEDDOTI

NERGIO CHI?

CURIOSITA'

Questioni Legali

i ritratti di MANU
MALATTIE

chiedi AIUTO


Se sei su Facebook chiedi l'amicizia a NERGIO
il cane iperprotettivo     (scheda)
i cani possono imparare ...l'educazione secondo Nergio
correzioni

Considerazioni:
I cani con un carattere tendente al dominante, si sentono in dovere di difendere (proteggere) uno o più componenti del proprio gruppo, considerati più deboli, da presunti intrusi o aggressori provenienti dall'esterno. Quando questo comportamento si sviluppa fra i componenti dello stesso branco, spesso è dettato dalla presenza di più soggetti dominanti e, più che la protezione, è la contesa di un soggetto specifico che li mette in conflitto. In tutti i casi l'istinto che viene stimolato, è sempre quello della conservazione della specie, passando attraverso i rapporti sociali per il mantenimento della gerarchia del branco, o per confermare la supremazia di un gruppo su di un altro . Fin qui, dal punto di vista naturale, nulla di scorretto. Diventa un problema il cane che ha un comportamento esageratamente protettivo. Può accadere, che alcuni cani si assumano l'incarico di proteggere il loro padrone da tutto e da tutti, indiscriminatamente. Non gli è stato chiesto espressamente, ma in certi casi, il comportamento del padrone ha generato un riflesso di protezione nel proprio cane che, per la propria sicurezza e per quella del proprio padrone, è costretto a tenere costantemente gli occhi aperti e difendersi (attaccando) ogni qualvolta percepisce una minaccia per il branco. 
Per iniziare un ciclo di correzione, il cane deve aver superato brillantemente alcune fasi di educazione come la condotta al guinzaglio ed il seduto.

Atteggiamenti NO:
  • non lasciarlo diventare capo branco all'interno della famiglia.
  • non farti saltare addosso quando prende l'iniziativa
  • non permettergli di avere iniziative durante i giochi
  • lascialo vincere raramente durante i giochi
  • non lasciarlo tirare al guinzaglio
  • non lasciarlo annusare con insistenza l'urina di altri cani (angoli di strade, alberi, ruote d'automobili, altro)
  • non permettere che urini in continuazione per determinare il territorio
  • non permettergli di annusare tutte le persone che incontra
  • se punta qualche persona o cane, distrailo immediatamente o allontanati
Atteggiamenti SI:
  • coinvolgilo in giochi proposti da te
  • parla molto durante le passeggiate (alcuni raccontano favole)
  • entra nei locali sempre prima di lui
  • svolta in angoli ciechi prima di lui
  • frequenta, con cautela, ambienti con presenza di cani
  • incontrando altri cani, fallo sedere e controlla le sue reazioni
  • frequenta ambienti affollati tenendolo in estrema sicurezza
Interventi:
  • controlla la sua aggressività già in famiglia
  • inventati una pratica dell'allegria
  • ogni volta che da segni di aggressività adotta la pratica dell'allegria
lo scopo è di sostituire un inutile riflesso condizionato di difesa, negativo per la buona convivenza, con un nuovo riflesso positivo e di disponibilità nel confronti di altri.

torna al menu

CUCCIOLI


PRIMI PASSI


CANI TIPO

MONDO CANE

MODI D'USO


LE MIE STORIE


NOZIONI


LEGISLAZIONE