un cane
non si acquista,
si adotta,
ed è per sempre!!
il cane è il miglior
amico dell'uomo ma l'uomo, è il miglior
amico del cane?

EDUCAZIONE

autoeducazione
una buona ragione
proposta BASE
seduto
comando NO
basta
il gioco
il collare
il guinzaglio
senza guinzaglio
condotta
seduto fermo
fermo in movimento
la museruola
terra
terra fermo
controllo
il cane chiede
lascia
ostacoli
angoli ciechi
vieni
vieni al piede
vieni torna
la pallina (riporto)
in auto con il cucciolo
in auto con l'adulto
pratica dell'allegria
dai la zampa
aspetta
a cuccia


SORDITA'

preparazione
seduto
seduto fermo
terra
terra fermo


DISABILITA'

considerazioni
come fare
attività fisiologiche
il pasto
in auto - passeggio
cura delle zampe


CORREZIONI
BRUTTI VIZI
COMPORTAMENTO

evasioni
bocconi sospetti
botti di capodanno
nascita di un bambino
atteggiamenti
ulula
razze carattere
l'arrivo degli ospiti
l'ospite sgradito
rincorre
incontri con cani convivenza tra cani
diffidenza
aggressività
aggressioni
attacchi a bambini
pacificazione
falsa gravidanza
sterilizzazione


FOBIE-STRESS

stress
fobia?
noia
separazione
paura di rumori forti
paura dell'auto
paura del traffico
paura dei tuoni
paura dell'ospite
paura estranei 1
paura estranei 2

 

ANEDDOTI

NERGIO CHI?

CURIOSITA'

Questioni Legali

i ritratti di MANU
MALATTIE

chiedi AIUTO


Se sei su Facebook chiedi l'amicizia a NERGIO
al mare con il cane (scheda)
i cani possono imparare ...l'educazione secondo Nergio
istruzioni d'uso

Il cane ama tantissimo fare il bagno o meglio immergersi nell'acqua, correre tra gli spruzzi, saltare in acqua con la pallina e magari nuotare, non confondiamo però questa sua predilezione per l'acqua del mare, del lago o del fiume con il rifiuto di molti suoi simili di farsi lavare. Portarlo al mare con noi quindi, oltre a non doverlo lasciare in pensione o con persone che non fanno parte del suo branco, facciamo di lui un cane felice di condividere con noi le vacanze. Come per i bambini di pochi anni però dobbiamo prendere per il nostro cane delle precauzioni per evitare che una piacevole vacanza si trasformi in un problema o anche solo in un semplice disagio.
Ecco alcuni consigli pratici.

  • Se si hanno dubbi sulla sua salute, prima di portarlo in vacanza, , consultiamo il veterinario.
  • Scegliamo la spiaggia, privata o pubblica, dove i cani sono ammessi, evitiamo quindi di irrompere in spiagge dove i cani non sono accettati, anche se siamo soli.
  • Controlliamo l'Ordinanza del Comune o della Capitaneria di Porto che regola l'accesso alle spiagge.
  • In alcune località esiste l'obbligo di portare il libretto sanitario, verifichiamolo.
  • Rispettiamo le regole della spiaggia, raccogliamo le feci e dilaviamo abbondantemente con acqua dolce o salata le pipi sulla sabbia.
  • Evitiamo le ore più calde e rechiamoci in spiaggia nelle prime ore del mattino e nelle ultime ore del pomeriggio. Meglio evitare le ore tra le 11 e le 16.
  • Prima di accedere alla spiaggia facciamolo sporcare, tanto per avere qualche ora di autonomia.
  • Portiamo una ciotola per l'acqua ed una salvietta in microfibra per asciugarlo o per fare degli impacchi d'acqua sulla testa.
  • Ricordiamoci di portare paletta e sacchettini igienici e qualche gioco conosciuto.
  • Portiamo un tappetino o un telo da mare su cui farlo sedere o sdraiare, meglio se non lo fa a lungo direttamente sulla sabbia, lo scopo è di evitare irritazioni ai genitali.
  • Non diamogli nulla da magiare prima di andare in acqua, aspettiamo almeno 5-6 ore dopo il pasto, anche lui è soggetto a congestioni.
  • Non lasciamo mai l'acqua nella ciotola, diamogli frequentemente l'opportunità di bere acqua fresca buttando sempre quella avanzata.
  • Se scegliamo di rimanere in spiaggia tutto il giorno, portiamolo a passeggiare in zone ombreggiate almeno ogni due-tre ore.
  • Teniamolo all'ombra o sotto l'ombrellone quando il sole è a picco, potrebbe subire irritazioni cutanee o agli occhi. Possiamo usare delle creme da spalmare sulle zone più delicate.
  • Ricordiamo di proteggerlo dai colpi di calore o di sole, il cane ne è molto più soggetto di noi. Esistono in commercio delle comode tende parasole per i cani di varie taglie.
  • Quando riposiamo sotto l'ombrellone e possiamo essere distratti, teniamolo al guinzaglio lungo non più di 1,5 metri, saremo certi che non può allontanarsi e non può infastidire chi ci sta intorno.
  • Se il cane ha timore dell'acqua non forziamolo ad entrare, ignoriamolo e cerchiamo di farci seguire partendo dal bagnasciuga. Gradualmente andremo nell'acqua sempre più alta. Deve entrare di sua iniziativa.
  • Durante il bagno controlliamo che non beva acqua di mare, potrebbe causargli una dissenteria, quasi immediata. Se è successo portiamolo immediatamente a sporcare.
  • Quando esce dall'acqua si scrolla sicuramente, evitiamo che lo faccia addosso a qualcuno.
  • Durante i giochi in spiaggia controlla che non ingoi della sabbia in modo eccessivo, il rischio sono irritazioni allo stomaco, gastrite o serie lesioni intestinali.
  • Durante il bagno o i giochi possiamo lasciarlo senza guinzaglio solo se siamo certi di poterlo recuperare in ogni circostanza.
  • Tutti i cani sanno nuotare istintivamente ma evitiamo di farlo entrare in acqua quando c'è mare grosso. Nuotare per lui è un esercizio molto stancante.
  • Dopo il bagno controlliamo ed eventualmente asciughiamo l'interno delle orecchie.
  • L'acqua di mare non fa male alla pelle del cane ma, prima di tornare a casa, è indispensabile sciacquarlo abbondantemente con acqua dolce, in questa fase controlliamo i polpastrelli levando i residui di sabbia. Naturalmente verifichiamo che l'interno delle orecchie sia ben asciutto.
  • Infine cerchiamo di essere tolleranti e rispettosi di coloro che temono o non amano i cani. Se vogliamo essere rispettati dobbiamo essere i primi a rispettare gli altri.

istruzioni d'uso

CUCCIOLI


PRIMI PASSI


CANI TIPO

MONDO CANE

MODI D'USO


LE MIE STORIE


NOZIONI


LEGISLAZIONE